La Amazon Web Services

Andy Jassy sta diventando famoso quasi come il suo capo Jeff Bezos. Gestisce forse una delle parti più importanti dell’impero di Amazon, la Amazon Web Services (AWS).

AWS è una consociata di Amazon che fornisce piattaforme e API di cloud, ovvero archiviazione e elaborazione di dati per privati, aziende e governi. Ha avuto una rapidissima espansione, nata nel 2003 come una start-up proprio come Airbnb, Deliveroo e Pinterest, che hanno costruito le loro attività da zero. La sua rapida espansione ha fornito a Amazon il 70% degli utili nel suo trimestre più recente.
Nonostante questo successo, l’azienda sta affrontando alcune difficoltà, come la forte concorrenza di Microsoft.

amazon

Tensioni con il governo degli Stati Uniti

L’AWS di Amazon sperava di vincere il progetto Jedi (Joint Enterprise Infrastructure), andato invece a Microsoft, che si è aggiudicato un contratto da $ 10 miliardi (£ 7,6 miliardi) dal Dipartimento della Difesa.

Un duro colpo quindi per la divisione di Jassy, che ha protestato contro questa decisione, adducendo delle interferenze da parte della casa bianca.

In un documento reso pubblico a dicembre, AWS ha spiegato a proposito dell’aggiudicazione del contratto Jedi La domanda è se il presidente degli Stati Uniti dovrebbe essere autorizzato a utilizzare il budget del DoD per perseguire i propri fini personali e politici“. Ha proseguito Gli errori sostanziali e pervasivi del DoD sono difficili da comprendere e impossibili da valutare separatamente e a parte la determinazione espressa ripetutamente dal presidente di” fregare Amazon.

amazonSecondo Jassy la decisione è stata pericolosa, dato che secondo lui Amazon ha la migliore piattaforma di infrastruttura tecnologica possibile.

Ma a cosa sono dovute le presunte antipatie di Trump verso Amazon? Forse in parte al fatto che il fondatore di Amazon Jeff Bezos controlla anche il quotidiano Washington Post, che il presidente considera ostile nei suoi confronti.

In effetti Amazon potrebbe affrontare ulteriori battaglie con agenzie governative. All’inizio di dicembre, un rapporto di Bloomberg suggeriva che la Federal Trade Commission (FTC) avesse ampliato il proprio controllo su Amazon oltre le sue operazioni di e-commerce per includere AWS.

Il rapporto ha suggerito che FTC stava studiando se AWS stava discriminando le aziende che lavorano anche con altri fornitori di cloud,  dando la priorità a quelle che lavorano esclusivamente con AWS. Il sig. Jassy, tuttavia, non ne trarrebbe alcun interesse.

Riconoscimento facciale

Amazon si occupa anche della vendita della tecnologia di riconoscimento facciale, che chiamata Rekognition.

In merito alla polemiche su questa tecnologia il rivale Google ha limitato il suo utilizzo. L’amministratore delegato del suo business nel cloud, Thomas Kurian, ha dichiarato alla BBC di non aver offerto servizi più potenti come Rekognition perché in alcuni paesi non è legalmente consentito.

Jassy ha affermato che esiste confusione a causa della mancanza di regolamentazione a livello del governo federale e ha spiegato che il riconoscimento facciale è stato usato per molto bene.

Ha riunito i bambini scomparsi con i loro genitori, ha scoperto la tratta di esseri umani, ha migliorato la sicurezza e l’identità, ci sono molti modi in cui sta aggiungendo un valore reale alla società“, ha affermato Jassy.

L’amministratore delegato di AWS ha anche affermato che in quasi tre anni ha avuto la tecnologia di riconoscimento facciale, ha avuto zero segnalazioni di uso improprio da parte delle forze dell’ordine. Ma anche aggiunto “Capisco perché le persone potrebbero desiderare maggiori garanzie che ciò non possa accadere. Penso che il governo dovrebbe regolarlo e fornire maggiori indicazioni”.

Gli attivisti per i diritti civili però affermano che è “forse la tecnologia di sorveglianza più pericolosa mai sviluppata”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui